DA DOVE NASCONO PERVERSIONE E PEDOFILIA?

 

A proposito dell’articolo “IL MANUALE DEL PERFETTO PEDOFILO” mi è stata fatta la
seguente obiezione: “Ma così non glieli pubblicizziamo in qualche modo?” L’obiezione è
interessante e consente una riflessione su cos’è la pedofilia e da dove nasce. Né la
perversione né in specifico la pedofilia prendono origine dal piano informativo. Non
nascono da informazioni inopportune o sollecitanti. Perversione e pedofilia nascono dal
piano delle esperienze. Esperienze di infelicità vengono rovesciate da chi le ha vissute,
spesso da bambino, nella strategia perversa dell’umiliazione dell’altro e del dominio sul
corpo dell’altra persona. Esperienze di impotenza vissute nell’infanzia e nell’adolescenza
vengono ribaltate nella vita adulta e trasformate in comportamenti abusanti di onnipotenza
e di strumentalizzazione.
Dunque non c’è alcun rischio che un intervento di informazione e denuncia porti a
propagandare la perversione e la pedofilia!
Si propagandano già da sole, prendono avvio dalle ferite non risanate dell’anima e si
sviluppano in comportamenti di appropriazione del copro del più piccolo e del più debole. Perversione è l’atteggiamento mentale e relazionale che rifiuta di prendere atto che
nell’altro abita una persona da rispettare. Pedofilia è uno dei tanti comportamenti con cui
la perversione può assumere una forma sessuale. La pedofilia tende ad usare il corpo del
bambino, trasformato in un oggetto di potere e di piacere. Perversione e pedofilia
nascono dal cuore dell’uomo e dal cuore della società e si diffondono attraverso interazioni
relazionali e passaggi emotivi efficacissimi. I nostri interventi purtroppo, pur essendo di
qualche utilità, rimangono sulla superficie … Mirano – con i limiti di una comunicazione
parziale e spesso inascoltata – a far prendere coscienza di un carcinoma non curato che
genera metastasi in tutta la comunità sociale. I nostri interventi puntano a denunciare gli
atteggiamenti poco responsabili e poco consapevoli di scarsa attenzione, di scarsa
prevenzione, di scarsa capacità di contrasto del fenomeno. Non soffiano certo sul fuoco
del male. Purtroppo di per sé non possono spegnerlo. Invitano a farlo innescando un
processo di cambiamento emotivo ed etico, informativo e formativo, individuale e sociale.

Psicologo, psicoterapeuta, direttore scientifico del Centro Studi Hansel & Gretel

Claudio Foti

Psicologo, psicoterapeuta, direttore scientifico del Centro Studi Hansel & Gretel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *