RASSEGNA STAMPA n.50/2018

In Sicilia il 42% dei bambini è a rischio povertà, allarme degrado nelle periferie
16.12.2018

gds

Allarme povertà per i bambini siciliani. Il 42% dei minori di 15 anni residenti nell’Isola vive in condizioni di povertà relativa. A rilevarlo è il rapporto di Save The Children “L’Atlante dell’infanzia a rischio 2018”. L’indagine descrive un contesto sempre più difficile e pieno di diseguaglianze, in termini non solo economici, ma anche sociali e culturali.


Bari, scene di aborti nell’ora di religione al liceo. Il garante dell’infanzia: “Vergognoso”
16.12.2018

repubblica

Una lezione antiabortista e un documentario che ha sconvolto gli studenti del liceo Galilei di Monopoli. La reazione di Abbaticchio: “Non strumentalizziamo i ragazzi”. Cgil: “Propaganda antiabortista”.


Bimba violentata dal compagno indonesiano della madre: gli abusi mentre tutti dormivano
15.12.2018

ilmessaggero

Ci sono volute quasi due ore di camera di consiglio per emettere la sentenza di condanna a 5 anni e 8 mesi di reclusione e 10mila euro di provvisionale per la parte civile nei confronti di un 39enne indonesiano che avrebbe violentato una bambina, incapace di difendersi in qualsiasi modo e resistere al suo orco, figlia di una donna residente a Teramo che all’epoca era la sua convivente.


Molestie su una bimba di 3 anni: “L’ho scambiata per mia moglie”
15.12.2018

velvetbody

Un pedofilo molesta una bambina di 3 anni e poi prova a giustificarsi dicendo che l’aveva scambiata per sua moglie. Questo l’assurdo tentativo di Henry Bennett, un ragazzo di 26 anni di Bluefield (West Virginia, Stati Uniti) davanti ai giurati del processo intentato a suo carico. Inutile dire che le parole del giovane non hanno attecchito nemmeno per un istante. Lui ha raccontato che la bimba si era infilata nel letto mentre sua moglie (madre della piccola) era in bagno, ma la domanda dei giurati è stata immediata: come ha fatto a scambiare un corpicino di soli 30 chili per quello di una donna adulta?


«Omosessualità contro natura, gay diffondono la pedofilia», dottoressa condannata: multa di 1500 euro
14.12.2018

ilmessaggero

Una multa da 1.500 euro è la condanna inflitta dal tribunale di Torino a Silvana De Mari, medico di 65 anni a processo per diffamazione ai danni degli omosessuali e del movimento Lgbt.


Noto| Maestra interdetta per maltrattamenti alunni
14.12.2018

webmarte

Nella giornata di ieri, all’esito di articolata attività investigativa espletata da personale di polizia giudiziaria del Commissariato di P.S. di Noto, alla guida del Dirigente Vice Questore Aggiunto Paolo Arena, si dava esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura interdittiva della sospensione temporanea dall’esercizio del pubblico ufficio, disposta dal Giudice per le indagini preliminari su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa a carico di una insegnante  indagata per il reato di maltrattamenti con l’aggravante d’aver commesso il fatto in danno di minori di anni 18, appartenenti ad un Istituto Scolastico di istruzione primaria.


Vaticano, Pell “congedato” dal Consiglio dei cardinali. Dall’Australia: condannato per pedofilia
13.12.2018

repubblica

Il porporato australiano si è sempre dichiarato innocente ma il tribunale di Melbourne lo avrebbe riconosciuto colpevole di abusi sui minori. Intanto non fa più parte del C9.


Usa, bambino chiuso e picchiato nell’armadio dalla matrigna
13.12.2018

notizie

Altra storia targata USA di maltrattamenti e violenza. Un bambino di 5 anni è stato costretto a vivere denutrito chiuso in un ripostiglio.


Bergamo, abusi sulla figlia 12enne e la nipote di 8 anni: chiesta condanna per un artigiano 50enne
12.12.2018

fanpage

Un artigiano di 50 anni residente nella Bassa bergamasca rischia 16 anni di carcere: è accusato di aver abusato della figlia 12enne e della nipotina di 8 anni. I fatti contestati risalgono a diversi anni fa, mentre l’inchiesta è partita nel 2016 dopo che la figlia dell’uomo, nel frattempo diventata maggiorenne, ha trovato il coraggio di raccontare quanto avrebbe subito in passato. La sentenza è attesa per il 19 dicembre.


Tragedia a Verona: 12enne si toglie la vita dopo una lite con i genitori per i voti a scuola
12.12.2018

caffeinamagazine

Le pagine della cronaca di oggi, 12 dicembre, si tingono di nuovo di nero. La notizia della tragedia arriva da Verona dove una giovane ragazza di soli 12 anni si è tolta la vita a causa di una furiosa litigata con i suoi genitori. La lite si è generata a causa dell’andamento scolastico della ragazza. La ragazzina e i genitori hanno appunto avuto una discussione sui suoi brutti voti a scuola e così la giovane, non sopportando più la pressione, ha compiuto un gesto estremo. Dopo essersi chiusa in bagno, come riporta il corriere del Veneto, ha aperto la finestra della stanza e si è lasciata cadere nel vuoto.


CATANIA: MINORI E ANZIANI MALTRATTATI, DODICI ARRESTI
11.12.2018

95047

I carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della DDA di Catania hanno arrestato – su richiesta della DDA catanese e della Procura di Gela, 12 persone con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata a reati contro la pubblica amministrazione, corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio e di frode nelle pubbliche forniture nonché estorsione e maltrattamenti.


Castellammare, l’inferno in casa: maltratta e abusa della moglie, figli spettatori della violenza dell’uomo; 56enne va in carcere
11.12.2018

giustizianews24

L’inferno in casa. L’inferno che prende il volto e la voce dell’uomo con il quale si è scelto di vivere. Con il quale si pensava di poter costruire un futuro e vivere una vita felice.
La storia coniugale di Rosa (il nome è di fantasia) è invece una storia di violenza, di abusi, di maltrattamenti. Un dramma. Che si è concluso solo oggi con l’arresto di chi l’ha gettata all’inferno: il marito.


Viterbo, abusi sessuali sulla figlia della badante: a processo presunto pedofilo
10.12.2018

fanpage

Un anziano di 80 anni è finito a processo con l’accusa di aver abusato di una minorenne di una badante di nazionalità straniera che tentò anche il suicidio. Ora il presunto pedofilo dovrà affrontare il giudizio del tribunale di Viterbi, mentre la bambina ormai diventata un’adolescente è stata affidata alle cure di una casa famiglia.


Responsible Together: per fermare i maltrattamenti sulle donne bisogna anche agire sugli autori di violenza
10.12.2018

ilfattoquotidiano

È partita il 25 novembre 2018, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la campagna Responsible Together (Responsabili insieme) che mira a promuovere i programmi per autori di violenza (Pa) come componente indispensabile negli interventi a tutela delle donne. La campagna è promossa dalla Wwp En – Work With Perpetrators European Network, la rete europea che raccoglie insieme 55 realtà provenienti da 28 Paesi che lavorano con gli autori, facendo rete e promuovendo lo scambio di informazioni e buone pratiche. La parità di genere e la non violenza sono alla base del lavoro portato avanti dai membri della Wwp En che aiutano gli uomini che hanno maltrattato le partner o i minori ad assumersene la responsabilità e a imparare a saper rendere conto a se stessi e agli altri di quel che fanno in termini di motivazioni e conseguenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *