MALTRATTAMENTO INTRASCOLASTICO: IL VIDEO DELLA VIOLENZA


Il maltrattamento intrascolastico da fenomeno ignorato e sommerso continua ad emergere come realtà drammatica che spesso viene agito per lunghi periodi comportando gravi danni all’evoluzione dei piccoli allievi senza che l’istituzione scolastica riesca a prevenire o ad impedire in tempi rapidi questa violenza e senza che i genitori spesso siano capaci di ascoltare gli indicatori di malessere provenienti dai loro figli. 

Ricaviamo da La Città, quotidiano di Salerno e provincia:

“La Sezione di P.G. della Polizia di Stato presso la Procura di Nocera Inferiore, stamane ha eseguito due misure cautelari interdittive della durata di un anno per il reato di maltrattamenti, notificate a G.F. e F.M., socia e collaboratrice scolastica della scuola materna “Tempi d’Infanzia” di Sant’Egidio Monte Albino (SA), le quali si sono rese protagoniste di “rinnovate e sistematiche minacce, percosse e violenze, gravi coercizioni e punizioni inflitte in danno dei bambini alle medesime affidati”.

https://www.lacittadisalerno.it/video/bimbi-maltrattati-nella-scuola-materna-a-sant-egidio-del-monte-albino-due-donne-nei-guai-1.2118605

Nel corso dell’anno scolastico 2017/2018 le due insegnanti abilitate, proprio per questi comportamenti, si erano licenziate non sopportando il ricorso sistematico alla violenza, sia psicologica sia fisica, messa in atto dalle due donne che, per l’ultima parte dell’anno scolastico, restavano da sole all’interno della scuola senza personale qualificato (sul punto vi sono approfondimenti in corso).

Sempre da La Città ricaviamo un video impressionante che mostra quanto la componente sadica possa essere presente e possa prevalere nell’essere umano. La relazione asimmetrica tra l’insegnante o l’operatore scolatico, portatore di un potere che si esercita a porte chiuse e il bambino, che si trova in condizioni di fragilità e d’impotenza, può essere il veicolo di una violenza terribile.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *