FERITE EMOTIVE E FERITE SPIRITUALI NELLE VITTIME DI ABUSO

Oltre alle ferite emotive indotte dall’abuso sessuale sui bambini esistono anche le “ferite spirituali”. Ne parla sull’ultimo numero della Civiltà Cattolica Padre Zollner, membro della Commissione per la Protezione dei Minori voluta da Papa Francesco.

“Se è un sacerdote a compiere l’abuso … allora l’immagine di Dio viene a oscurarsi e si può cadere in una tenebra e in una solitudine abissale”, scrive Zollner.

Come psicologi che si occupano di soggetti traumatizzati non siamo indifferenti alla messa a fuoco delle “ferite spirituali”: l’aspirazione spirituale appartiene all’essere umano. Esprime un bisogno insopprimibile di fede/fiducia.  L’aspirazione spirituale può tradursi in una fede in Dio, in una pratica religiosa oppure può generare l’adesione ad un sistema di valori, ad un insieme di credenze umane che esprimono l’esigenza di dare un senso all’esistenza, di credere nella comunità umana e nel suo avvenire. In effetti tanto più era rassicurante e coinvolgente affettivamente e spiritualmente per un bambino  la figura che si rivela poi abusante, tanto maggiore è il danno che si produce in quel bambino: la vittima precipita in una straziante delusione, vede crollare un perno fondamentale sulla sua sicurezza verso la comunità umana, verso  il mondo e verso il futuro.

Padre Zollner si sofferma proprio sulla “prospettiva” e la “sofferenza” delle vittime di abusi.  L’autore mette inoltre i in guardia da quella che definisce “mentalità da trincea” che, tante volte nella Chiesa, ha fatto sì che si pensasse di “risolvere le cose all’interno, escludendo la dimensione pubblica, perché si teme per la propria reputazione o per quella dell’istituzione”. Il risultato, avverte padre Zollner, è che “si dimentica cosa sia la sofferenza delle vittime (che devono essere tenute in silenzio) sia una legge dei media che afferma: ‘Prima o poi le cose si vengono a sapere. Prendi tu l’iniziativa, riconosci l’errore, scusati onestamente e sarai creduto”.

Cresce nella Chiesa di Francesco chi crede di fronte agli episodi di abuso sessuale nell’assunzione coerente di responsabilità da parte della Chiesa come istituzione e da parte dei singoli di fronte alla legge!

 

 

 

Psicologo, psicoterapeuta, direttore scientifico del Centro Studi Hansel & Gretel

Claudio Foti

Psicologo, psicoterapeuta, direttore scientifico del Centro Studi Hansel & Gretel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *